farmacia più siccura
contatti contatti
Salute femminile
alt_view_shop
Smettere di fumare
alt_view_shop
Pagina iniziale Disfunzione erettile Cialis Originale blog

Prostatite cronica

L'uso di un inibitore della fosfodiesterasi di tipo 5 nella riabilitazione di pazienti con prostatite cronica

La prostatite cronica è caratterizzata da un decorso prolungato, acuzie frequenti e riduce notevolmente la qualità della vita del paziente. Questa malattia può manifestarsi con i sintomi del tratto urinario inferiore, con un dolore di varia intensità. In alcuni casi, si peggiora la funzione erettile dei pazienti, si sviluppa una astenia generale.
Ci sono varie stime della prevalenza della prostatite cronica, ma per certo giudicare sul numero di pazienti è difficile perché non c'è alcun criterio generalmente accettato per l'interpretazione dei sintomi e la diagnosi della malattia. Incidenza del prostatite, identificata e confermata da test di laboratorio, fino al 10%, mentre è correlata con l'età, e può raggiungere 30-73% tra gli uomini anziani. La prostatite spesso accompagnato da altre malattie urologiche.

Prostatite cronica cura

L'eziologia e la patogenesi della prostatite
Prostatite bisogna distinguere da altre condizioni patologiche, come le malattie del retto, la patologia delle strutture pelviche neuromuscolare, disfunzioni di minzione del carattere funzionale, I processi patologici del sistema nervoso centrale e periferico.
Inizio di processi infettivi ed infiammatori nella prostata succede in giovane età. La prostatite cronica è la causa più comune del trattamento agli uomini fino a 50 anni. Secondo concetti moderni, iniziare il processo patologico causato da infiammazione della prostata e portare a disfunzioni del sistema neuromuscolare del pavimento pelvico può un'infezione o lesioni. Le lesioni alla prostata di varia origine aumentano la sensibilità del sistema nervoso dei dipartimenti periferiche e centrali e può causare dolore pelvico cronico.
Si distingue la prostatite acuta e cronica di una natura batterica. A parte viene esaminata la sindrome da dolore pelvico cronico, che si combina con la presenza di leucociti nelle terza porzione della urina o del liquido seminale, e anche la sindrome di dolore pelvico cronico senza alterazioni infiammatorie.
Infiammazione si verifica non solo a causa di una infezione, ma anche la riduzione dei meccanismi di protezione. Ad esempio, abbiamo dimostrato che la prostata ha una capacità di accumulare lo zinco che fornisce una protezione antimicrobica locale. La prostatite batterica associata con una riduzione nella concentrazione di zinco nella prostata che non sempre si ripristina con la somministrazione di farmaci speciali rispettivi agenti.
prostatite cronica prostatite cronica

La diagnosi di prostatite
Il dolore di varia intensità - questo è il sintomo principale della prostatite. Diagnosticamente significativo è considerato la durata del dolore non meno di 3-6 mesi. Spesso il dolore è localizzato nel perineo, ma può verificarsi in altre parti del bacino. Il dolore dopo l'eiaculazione più specifica per la prostatite cronica, che spiega il peggioramento della funzione erettile nei pazienti.

Per chiarire i sintomi e la loro gravità, così come la valutazione della loro dinamica nel corso del trattamento ampiamente si utilizza la scala della valutazione dei sintomi della prostatite cronica (Chronic Prostatitis Symptoms Index, CPSI), dove un posto speciale occupa la valutazione della qualità della vita del paziente.
Per diagnosticare la prostatite cronica dovrebbe fare una diagnosi differenziale con la sindrome del dolore pelvico cronico.

L'esame microscopico delle secrezioni prostatiche determina della presenza di leucociti, granuli lecitina, cellule epiteliali, cellule amiloidi. I risultati dell'esame batteriologico delle secrezioni prostatiche e valutazione della sensibilità e della resistenza della microflora permettono di stabilire l'eziologia del processo infiammatorio e determinare la tattica del trattamento di prostatite batterica.
Così, sulla base dei manifestazioni clinici, anamnesi e I dati di metodi laboratori della diagnostica distinguano:

Trattamento
Trattamento della prostatite dipende da uno specifico patogeno e principalmente comprende la somministrazione di farmaci antibatterici con il più alto potere penetrante nel tessuto prostatico. Acuta prostatite batterica può essere un'infezione grave caratterizzata non solo locale, ma anche sintomi sistemici (febbre, brividi). La somministrazione parenterale di agenti antibatterici come aminoglicosidi o cefalosporine di terza generazione, consigliabile fino alla scomparsa di febbre e la normalizzazione della valore del sangue.

Cialis e prostatite cronica

inibitori della fosfodiesterasi del tipo 5 (PDE-5) nel trattamento di prostatite.

In alcuni studi un ruolo importante nella regolazione dell'attività della prostata si rivolge all'ossido di azoto. Sul funzionamento del sistema "ossido di azoto guanosina monofosfato" influenzano enzimi come endoteliali e neuronali della sintasi dell'ossido nitrico. E 'possibile che i disturbi nervosi associati con il deficit di ossido nitrico, portano ad una turbazione del rilassamento di muscolatura liscia. Sulla base di questa ipotesi potrebbe essere proposta una strategia terapeutica volta a migliorare il flusso di sangue locale nella prostata con infiammazione cronica. Così, nel processo patologico della prostata può influenzare inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5, che erà confermato nella pratica clinica.

Sul nostro sito alla vostra disposizione proponiamo diversi farmaci che aiutano mantenere erezione per esempio Cialis Generico o altri che sono anche molto efficaci. 

03.05.2017
supporto clienti
24 pharm